Il software VSTHost

Il mondo dei VST è veramente eccezionale, si compone di innumerevoli plug-in software che interagiscono tra di loro, ma per farlo hanno appunto bisogno di un HOST nel quale partire; anche Addictive Drums gira in "ambiente HOST" e in mezzo a tanti software spesso costosi e spesso sotto utilizzati, VSTHOST risulta una soluzione valida e decisamente economica. L'autore chiede una donazione a supporto di questo e di altri interessanti software, per i quali rimandiamo al sito ufficiale http://www.hermannseib.com/.

Questo breve tutorial vuole fornire LE BASI per utilizzare questo software per gestire Addictive Drums.

vstHost gestione plugin vst

Innanzi tutto scaricate l'ultima versione disponibile di vstHost (una copia è disponibile anche nell'area download del nostro sito), decoprimetelo in una cartella in quanto tale software è sprovvisto di setup e parte direttamente cliccando vsthost.exe. In questo tutorial utilizziamo la centralina Trigger i/o alesis, (il concetto è uguale  per altre centraline gestite da Windows); Addictive Drums deve essere già installato nel PC e dovrete conoscere la cartella dove viene copiata la DLL (solitamente sotta la cartella Steinberg).

La schermata principale del programma vstHost inizialmente tende a spaventare,  fate finta di niente e partite subito col settare la direcroty dove è stata installata la DLL Addictive Drums; questo lo fate aprendo il menu File e selezionando Set Plugin Path in vstHost.

A questo punto si apre una finestra dove potete inserire il percorso completo di Windows dove risiede la DLL di Addictive Drums (come per altri plugin), confermate e selezionate sempre dal menu File, Rescan PlugIns. Se tutto è stato inserito correttamente, dovreste trovare sempre nel menu File sotto PlugIns, il vostro Addictive Drums, che se lo selezionate lo vedrete aprirsi e posizionarsi dentro l'area di lavoro di vstHost (come un "oggetto" da gestire).

Lo step successivo è di controllare/settare l'interfaccia Midi (in questo caso la trigger i/o), pertanto apriamo il menu  Devices, selezioniamo Midi sempre in vstHost e dovremmo vedere in elenco la nostra interfaccia Trigger i/o (valido per prodotti simili). Se tale scheda non è evidenziata , selezionatela col mouse e confermate il tutto...

gestione scheda midi in vsthost

Altro step di configurazione necessario è settare l'interfaccia audio, pertanto andiamo sempre nel menu Devices, selezioniamo Wave e andiamo a selezionare la scheda audio o la soluzione software atta a ridurre la latenza (driver Asio4All per esempio), questa soluzione software è spesso necessaria in quanto su Windows si manifestano problemi di latenza (ritardo) riducibili grazie ai driver aggiuntivi Asio4All (gratuiti e reperibili in internet o nel nostro sito); senza questi driver probabilmente noterete un forte ritardo audio (specialmente in cuffia).

Gli step di configurazione li potete invertire, potete settare prima i parametri delle schede e poi gestire il percorso dei VST, l'importante è fare questi passaggi preliminari per configurare il sistema. Volendo è possibile caricare rapidamente il VST mediante il menu File, NewPlugIn, ma questa funzione non permette poi alcune funzioni di gestione elenchi....Una volta caricato il VST Addictive Drums, si aprirà dentro a vstHost un "oggetto" gestibile, altro non è che il software stesso, il quale però in questo modo è in grado di connettersi ad altri eventuali oggetti, oltre che alle periferiche di base del sistema (scheda audio e interfaccia midi per esempio). Probabilmente al primo caricamento, non vedrete le funzioni di Addictive Drums in quanto l'oggetto viene caricato "chiuso", sta a voi cliccando sull'iconcina a destra della "i" dell'oggetto stesso, aprire l'interfaccia grafica di Addictive Drums.

Un'opzione importante da controllare è quella presente nel menu Performance, Autosave sempre di vstHost, la quale appunto salva tutti i nostri cambiamenti quando chiudiamo il programma; in questo modo non vano persi i vari collegamenti e configurazioni quando lo chiudete!

Se siete stati in grado di aprire Addictive Drums e configurarlo assegnando i suoni midi alla centralina (qui breve guida), potete iniziare a suonare ed utilizzare il bottone rosso di registrazione presente in vstHost per registrare le vostre performance!aprire interfaccia addictive drums

 

Sound Workshop

Via Galileo Galilei, 36, 20052 Monza
http://www.soundworkshop.it/

 

Retro Mercatino La BaYa

Retro Mercatino La BaYa